GALLERIA IL PUNTO

centro arte e cultura

Centro Il Punto

Gentilissimi  Artisti,


e' ripartita la programmazione delle esposizioni per il 2022 

per candidarvi potete

scrivere a bgiovannini@circolodozza.it .

Vi ricordo che per "periodo" si intende : dal venerdì al mercoledì
successivo , allestimento e smontaggi inclusi e che allestimento ,
smontaggio e presenza in Sala durante l'apertura
vanno gestiti in autonomia .

 

 

 

  • Instagram

Espone oggi

INFO

Modalità richiesta esposizione  per il 2022

Regolamento per l'utilizzo della Galleria (COMING SOON)

L'ATTIVITA' DELLA GALLERIA

E' RIPRESA 

SABATO 1 AGOSTO 2020 E SARA' SOSPESA SOLO SE BOLOGNA ENTRERA' IN ZONA ROSSA

Le domande di candidatura

ad esporre

presso la Galleria si ricevono esclusivamente per email

o via posta tradizionale.

Vi ringraziamo per la collaborazione

invito 'STORIE' di Massimo Amadesi per CHIARA.jpg

‘STORIE’

in esposizione sino al 1° dicembre 2021

aperta tutti i giorni

dalle 10,30 alle 13,00 e

dalle 16,00 alle 19.00

entrata  libera

Massimo  Amadesi

Bolognese classe 1961, fin dall’infanzia si interessa di disegno e illustrazione.

Dopo il 1980 frequenta la facoltà d’Architettura all’Università di Firenze e il D.A.M.S. di Bologna.

Frequenta la scuola del fumetto La Nuova Eloisa.

Nel 1984 espone la prima mostra personale alla Galleria dei Tribunali di Bologna.

Si occupa di illustrazioni, fumetto e poi pittura , realizzando diverse mostre in Italia e all’estero.

Nel 1996 progetta e realizza il GOLEM CAFFE’ D’ARTE di Bologna,

locale costruito attorno all’idea di unire arte e bar e fino al 2003 ne è il direttore artistico.

Crea El PALADAR Cafè, un bar-ristorante con spettacoli, mostre ed attività culturali.

E’ stato finalista del PREMIO CELESTE 2005 a San Gimignano, nella sezione pittura mediale.

Negli anni successivi si occupa sempre più di fotografia.

L’ultimissimo progetto è la mostra di acrilici su tela  ‘STORIE’

 e-mail:massimoamadesi@libero. i t                 massimoamadesi

_RITAGLIO6834.jpg

ARCHIVIO ESPOSIZIONI

Filomeno Mottola

è laureato in matematica; ha insegnato analisi matematica come libera attività e collaborato come programmatore in una società di software. Interessato alla fotografia sin dal 1962, ha partecipato a numerosi concorsi fotografici con esposizione in tutta Europa, ricevendo importanti riconoscimenti.

Si interessa da sempre allo studio della Fotografia come linguaggio non verbale e da qualche anno ai rapporti della Fotografia stessa con altre scienze: psicologia, semantica, filosofia... che si ritrovano implicati sia nella composizione dell’immagine che nella sua lettura. Al contempo ha colto le possibilità offerte dal digitale.

Membro di giuria in concorsi nazionali e internazionali, realizza numerose mostre personali; le sue recensioni su lavori fotografici e i suoi studi critici sono apparsi su periodici specializzati come "Fotoit-La Fotografia in Italia" (rivista ufficiale della FIAF-Federazione Italiana Associazioni Fotografiche) e "I.S.F-Image sans Frontiere", rivista europea con cui ha collaborato per diverso tempo.

E’ insignito dell'onorificenza AFI-Artista della Fotografia Italiana, conferitagli ad Arezzo il 21 aprile 1999 e nel 2003 è entrato a far parte del DiD-Dipartimento Didattica della Federazione in qualità di docente FIAF.

Esploratore delle basi tecniche della fotografia, si è inoltrato a fondo nello studio del sistema zonale (SZ) analogico, sistema che pone la tecnica al servizio dell'espressività, arrivando, nell'aprile 2002, alla stesura della dispensa "Bianco e nero" per la stampa in proprio delle fotografie su carta baritata.

Con l'avvento della tecnologia digitale questo studio è stato tradotto in una procedura informatica ("azione") che, inserita in un opportuno programma per la gestione delle immagini, realizza le maschere previste dal SZ per il controllo di luminosità e contrasto dove richiesto. Uno strumento versatile e molto apprezzato dagli esperti del settore.

Gli studi matematici e la passione per i numeri non l'hanno mai abbandonato e recentemente l'hanno portato a esplorare una nuova branca della matematica che si occupa di quelle funzioni ricorsive nel campo complesso le quali si concretizzano in immagini esteticamente                                           accattivanti:                                                                

 

          Ulteriori informazioni sulle opere e l'attività dell'Autore possono essere trovate sul sito   https://fmottola.wordpress.com/

Locandina.jpg
0127-B.jpg
i frattali e la loro arte.

To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
press to zoom
Locandina_A4_Vistaprint_page-0001.jpg

SIEDITI AL SOLE.

ABDICA E SII RE DI TE STESSO

Il Punto 2021 Arcanimaggiori Depliant Fronte.jpg
WhatsApp Image 2021-05-20 at_16.06.28.jp

Vent'anni di cultura della galleria "Il Punto" 1982 - 2002
Nella lunga e suggestiva storia del "Punto" c'è la ricerca artistica e una risposta sociale.

Nell'anno 1982 il circolo Giuseppe Dozza, fra le tante sezioni sportive e in collaborazione con il Circolo Dipendenti Comunali di Bologna, pensò di avviare anche un'attività culturale e artistica con principi di solidarietà e sociali, affinché tutti i pittori amatoriali e di fama artistica potessero avere uno spazio espositivo nella città di Bologna.
Durante il cammino de “Il Punto” furono organizzate mostre anche all'esterno della galleria, grazie alla disponibilità del Comune di Bologna che concede spazi e sale prestigiose nel palazzo d'Accursio e altre locali presso i quartieri cittadini. 
Nelle 2002, in occasione del 20º anniversario della fondazione del Punto, il Professore Ezio Raimondi ci onorò di una bellissima presentazione nella pubblicazione che celebrò l'evento. 
Un contributo davvero straordinario è venuto anche dalla sezione fotografica, che negli anni ha organizzato interessanti mostre. 
In questi ultimi anni l'attività artistica è continuata con un calendario sempre intenso, tra pittori, scultori e incisori, ma anche con iniziative realizzate in collaborazione con il Liceo Artistico -Istituto d'arte Arcangeli e con l'Accademia delle Belle Arti di Bologna. 
Una particolare menzione va all'artista Norma Mascellani, che fu madrina della galleria ed espose al Punto con mostre di solidarietà, richiamando un pubblico sensibile che acquistando le sue opere ha contribuito a sostenere associazioni come AGEOP e ANT.